Seleziona una pagina
NOTE
  • Il programma ha titolo esemplificativo. Line up in via di definizione.
  • Si consiglia di arrivare venerdì 30 luglio 2021 dopo le ore 16:00, per avere il tempo di registrarsi e accomodarsi.
  • L’iscrizione garantisce la possibilità di partecipare a tutte le attività presenti sul programma.
  • Alcune attività sono a numero chiuso; la prenotazione potrà essere effettuata in loco.
  • Il programma dettagliato delle attività per bambini e ragazzi verrà pubblicato durante il Festival.
  • I Trattamenti individuali non sono inclusi nell’iscrizione; la prenotazione potrà essere effettuata in loco.

VIENI AL MELETAO FESTIVAL!

 Il “4 giorni Green Pass” comprende
l’iscrizione all’Associazione Meletao,
l’ingresso all’area del Festival,
la piazzola per la tenda
e tutte le attività presenti sul Programma.

WORKSHOP

La Natura è la mia medicina“. Prenditi cura della Natura e lei si prenderà cura di Te. Chiunque può attingere alla vastità di possibilità di cure e benessere che offre la Natura. Creare empowerment attraverso la conoscenza e la consapevolezza della propria capacità di guarigione e salute in sinergia con il nostro universo è un passo verso noi stessi e la libertà. Prova, lasciati guidare dal sentire insieme a chi ha fatto dell’arte medica, la propria arte. Immerso nel mondo Meletao potrai imparare e far esperienza con pratiche curative, sinergiche e artistiche diverse; potrai ad esempio praticare yoga ogni mattina, esplorare i tesori viventi della foresta, conoscere un nuovo modo di coltivare la terra, oppure imparare un nuovo modo di danzare o creare. I workshops sono proposti da esperti e appassionati in materia.
HELIOS YOGA

HELIOS YOGA

con Micheal Cracchiolo

Negli anni d’insegnamento, sta sviluppando la pratica Helios Yoga, sequenze che si sviluppano in maniera fluida, in armonia con il proprio respiro.
Helios Yoga si basa sull’antico stile Hatha contaminato da tradizioni e discipline di movimento differenti. La Pratica privilegia lo stare in ascolto nelle posizioni con respiri profondi, accompagnato dall’esplorazione dinamica delle posture, come forma di meditazione sia statico che in movimento.

AIKIDO-KINORENMA - Arte marziale

AIKIDO-KINORENMA - Arte marziale

con Ivan Radicioni

L’aikido è un’arte di unione con l’altro e con l’universo nel suo aspetto visibile ed invisibile. Ki-no-renma significa letteralmente “forgiare la nostra energia vitale” (renma – Temprare / no – della / ki – energia vitale). Senza la conoscenza e la pratica del ki-no-renma, le tecniche dell’aikido mancano della loro sostanza e profondità e rimangono delle vuote forme esteriori. Durante la pratica del ki-no-renma, si cerca di entrare in contatto, assorbire, assimilare e far circolare in noi questa Forza, che è contemporaneamente personale e universale, attraverso tutta una serie di esercizi che possono essere divisi in: respirazione e controllo dell’energia vitale (pranayama in sanscrito e shu-ki- no-ho in giapponese); forme di rilassamento; pratica della meditazione; allenamenti per il sesto senso. Gli obiettivi che possiamo ricercare sono: incrementare la nostra energia vitale; aumentare la concentrazione; controllare l’attività dei sensi e del sistema nervoso; rilassare il corpo e la mente; apprendere a meditare, dare una solida base interiore alla pratica tecnica dell’aikido. Durante il Workshop affronteremo anche un lavoro più fisico (Aiki Taiso) fondamentale per preparare il corpo ed un lavoro con le Armi tipiche della pratica dell’aikido (Jo e Bokken).

KINTSUGI PUZZLE - Health/Art Therapy

KINTSUGI PUZZLE - Health/Art Therapy

con Gioia di Biagio

 In un comune vissuto di rottura, isolamento e distanza un workshop collettivo, per incollare i frammenti delle nostre emozioni mettere oro nelle crepe della nostra vita. Per valorizzare ferite e fragilità. Nella vita di ciascuno c’è stata una rottura. Oggi siamo invitati a ripararci, fisicamente e mentalmente. Gioia Di Biagio propone di mettere insieme cocci e sentimenti e creare lei stessa un mosaico composto da paure, sogni e desideri che saranno uniti con l’oro, come nell’antica arte giapponese del kintsugi. Ne nasceranno assembramenti di pensieri, amorevolmente ricomposti, dentro frammenti di porcellane rotte.
Il kintsugi, letteralmente oro (“kin”) e riunire, riparare (“tsugi”) è l’arte giapponese di riparare con l’oro gli oggetti in ceramica andati in frantumi dandogli così un aspetto nuovo attraverso le cicatrici impreziosite. In questo modo ciò che si rompe non viene accantonato o gettato ma acquista un grande valore. Le crepe non vanno nascoste ma valorizzate, esattamente come le cicatrici, i difetti fisici e le ferite dell’anima non vanno celate ma esibite senza imbarazzo, essendo esse stesse parte di noi e della nostra storia. L’arte di abbracciare il danno, di non vergognarsi delle ferite, è la delicata lezione simbolica suggerita dall’antica arte giapponese.

TRAPEZIO E CERCHIO - Danza Aerea

TRAPEZIO E CERCHIO - Danza Aerea

con Ombretta Di Simone

Il workshop sarà dedicato all’esplorazione degli attrezzi aerei attraverso l’apprendimento di figure di base che mettono subito in evidenza le caratteristiche del Trapezio e del Cerchio. Sperimenteremo liberamente le molteplici possibilità di movimento di un corpo su un attrezzo aereo. Nello specifico i momenti saranno così suddivisi: una prima fase sarà dedicata alla conoscenza del gruppo e ad un riscaldamento globale attraverso un attivazione dinamica; passeremo ad un’attivazione specifica potenziando i gruppi muscolari necessari al lavoro aereo; la parte centrale dello stage sarà dedicata all’apprendimento tecnico di figure sul trapezio e cerchio, partendo da una tecnica di base che costituirà il linguaggio comune per tutti, passando dalle posizioni più note a quelle più dinamiche fino a trovare soluzioni personali e quindi figure inventate ed originali.

TESSUTO - Danza Aerea

TESSUTO - Danza Aerea

con Masa Grbic

Il workshop sarà dedicato a la tecnica del Tessuto aereo. Vola anche tu tra le cime degli alberi … Tessuti Aerei – Workshop per adulti e ragazzi.

LA DEA ALCHEMICA - Arte Terapia

LA DEA ALCHEMICA - Arte Terapia

con Valentina Fusco

In questo laboratorio verrete guidati/e a lavorare con le forze che ci muovono, con la vita, con Madre Natura nel suo essere divino, potrete sperimentare l’amore incondizionato, la bellezza e sensualità di una linea, di un colore o di un suono. Una immersione nella gioia e nei sensi guidati da Afrodite, Dea dell’Amore e del piacere, dea generativa e trasformativa. Andremo a conoscere la sua potenza originaria e ci immergeremo nelle immagini create da noi come in un fiume rigenerativo e purificante.

SHIATSU MI ZAI - Health Workshop

SHIATSU MI ZAI - Health Workshop

con Ivan Radicioni

TOCCARE CON MANO E SENTIRE CON IL CUORE
Workshop di pratica di preparazione e allenamento globale (corpo, mente, spirito) con il fine di entrare in risonanza con il ricevente in maniera naturale. L’esperienza del trattamento è spesso descritta come un profondo rilassamento e rivitalizzazione di ambedue.

 

GEMMOTERAPIA - Health Workshop

GEMMOTERAPIA - Health Workshop

con Biljana Ljubisavljevic

Pol Henry, medico e biologo belga, nei anni ’50 del XX secolo, ha studiato le proprietà dei tessuti in meristematici mettendo a punto una serie di rimedi detti gemmoterapici. I rimedi gemmoterapici sono estratti di tessuti vegetali giovani (gemme, giovani getti, radicelle…)
Durante il workshop tratteremo i principi della moderna meristemoterapia Pol Henry e la nascita della gemmoterapia, l’ Introduzione ai gemmoterapici, le tecniche di preparazione, le tecniche di diluizione, le modalità di prescrizione e la posologia.

UNA FORESTA DI BIODIVERSITA' - Food Forest

UNA FORESTA DI BIODIVERSITA' - Food Forest

con Antonio D’Amico e Xilef Welner

Come creare una foresta naturale, fonte di cibo, medicine e bellezza. Verranno illustrate le varie tecniche per realizzare un giardino naturale: osservazione del luogo e delle piante spontanee, scelta delle specie da impiantare, come effettuare le semine e i trapianti, cura e protezione delle giovani piante.

OLO-OMEOPATIA - Agro-omeopatia

OLO-OMEOPATIA - Agro-omeopatia

con Geminiano Montecchi

Olo-omeopatia, termine coniato da RadkoTichavsky, non è altro che omeopatia applicata alle piante, ma con una visione sistemica più che sintomatica delle problematiche agronomiche. Infatti si rifà al concetto di “Olone”, coniato da Arthur Koestler nel 1968. In definitiva l’Olone non e’ altro che un superorganismo composto dall’insieme degli esseri viventi che condividono lo stesso spazio vitale, con il fine comune di dare continuita’ alla vita. Come sviluppato da RadkoTichavsky, il metodo omeopatico si basa sul concetto di “similitudine metabolica”, ovvero dei metaboliti secondari utilizzati in svariati modi dagli organismi viventi per comunicare tra di loro, definendone così il loro grado d’interazione.Con il metodo olo-omeopatico si passa da una agricoltura “materiale” che fa uso di sostanze come concimi, fertilizzanti, antiparassitari ecc., tipici dell’agricoltura tradizionale e quella biologica, ad una agricoltura dei “processi” innescati mediante l’applicazione di sostanze naturali altamente diluite; possiamo dire dalla chimica ponderale alla fisica quantistica. Parassiti e patologie vegetali vengono visti come segnali di squilibrio del sistema e non come nemici da combattere, e vengono gestiti tramite la stimolazione della naturale difesa delle piante. In definitiva questo metodo di agronomicoci permette di soddisfare i tre pilastri della sostenibilità:

  • economica, con una goccia di rimedio omeopatico otteniamo decine di litri di preparato;
  • ambientale, facendo a meno di formulati chimici come fertilizzanti, pesticidi, ecc.;
  • sociale, perché produciamo alimenti privi di sostanze tossiche ma ricchi di proprietà nutraceutiche.
RECUPERARE IL PIACERE DI MUOVERSI - Feldenkrais

RECUPERARE IL PIACERE DI MUOVERSI - Feldenkrais

con Marcella Carrara

 Il workshop è dedicato a risvegliare un atteggiamento verso sé stessi basato su un raffinato ascolto del corpo con assoluto rispetto e sfrenata curiosità. Il movimento sarà lo strumento con la quale esploreremo le plurime vie del nostro potenziale psico-fisico, con l’obbiettivo di sorprenderci e aprirci a nuove traiettorie interne incostante relazione con l’ambiente esterno. Partiremo da una domanda semplice “ Di quali risorse dispongo per muovermi in modo efficiente e in accordo con i miei desideri?”, per arrivare ad intuire una forma di espressione più piena, vitale e spontanea di noi stessi. Il workshop è aperto a tutti e si divide in due parti: la prima dedicata all’insegnamento di una CAM e la seconda sarà rivolta al movimento e improvvisazione.

SEED BOMBS - Agricoltura Naturale

SEED BOMBS - Agricoltura Naturale

con  Antonio D’Amico e Xilef Welner

Come coltivare e rinverdire il Mondo in sinergia con la Natura, senza troppi pensieri, in modo semplice, giocando si puo salvare aree anche dalla desertificazione… Fukuoka e molti come lui insegnano all’osservazione, l’ascolto e l’azione come Essere parte e interconnesso con il resto. Iniziamo da oggi a conservare tutti i semi che capitano nel nostro quotidiano… per portarlo qui e ri-emetterlo in Natura.

FUORI (IL) CORPO - Walk workshop

FUORI (IL) CORPO - Walk workshop

con Futura Tittiferrante e Lucia Guarino

Lasciarsi andare alle sollecitazioni del terreno – Il camminare condiziona la vista e la vista condiziona il camminare a tal punto che sembra che solo i piedi possano vedere.*  Fuori (il) corpo è un progetto laboratoriale e di ricerca che vuole mettere in relazione l’uomo e la montagna per dare vita ad un metodo di osservazione personale da restituire al corpo, attraverso pratiche di movimento ed ascolto, rispetto ed osservazione, respiro e presenza, messa a fuoco ed equilibrio. Il desiderio è quello di aprire la percezione e la sensibilità dei corpi per esporli ad un legame profondo e concreto con il paesaggio montano. Consapevoli della nostra posizione periferica nel mondo e del muoverci al margine dell’infinito paesaggio sentiamo la profonda esigenza di condividere la nostra ricerca e aprire un pensiero tra movimento e fotografia in un luogo di pietra viva, terra, acqua, alberi, radici e arbusti; visioni e vertigini che ci restituiscono la misura di non rappresentare noi il soggetto principale quanto di esserne una parte costitutiva. In questi luoghi di pendenza e disequilibrio, di instabilità del sostegno ma di centralità del baricentro (fisico e mentale), daremo vita ad un movimento sinergico e di scambio continuo – intimo e non – tra pratica corporea e fotografia, tramite quelle azioni che accomunano il danzatore ed il fotografo scardinando ciò che appartiene a una categoria invece che all’altra : osservazione, presenza, movimento, messa a fuoco, mise en éspace, scelta, spostamento del limite, ascolto interno ed esterno. I piedi si adattano e radicano al terreno, gli occhi al paesaggio.

BOLLE DI SOGNI - Circo workshop

BOLLE DI SOGNI - Circo workshop

con Andju Ormeloh

Impariamo come creare bolle di Sogni di tutti i tipi: lunghe, enormi e piccolissime, con le mani o con lo spago, con i tubi e altri oggetti. In collaborazione: fare delle bolle in più persone e inventare giochi insieme.

VOICE IN (E)MOTION - Canto workshop

VOICE IN (E)MOTION - Canto workshop

con Antonia Harper

Che forma ha la nostra voce? È alta, profonda, piccola, grande? Chequalità? Che colore? Che parti del nostro carattere esprime? E come suona quando interagisce con altre voci? Ogni giorno usiamo la voce per comunicare ed esprimerci, spesso senza neanche accorgercene. Ma entrare in contatto con la voce e tirarla fuori non è sempre facile, soprattutto se in gruppo, perché essa è così profondamente legata al nostro corpo, alla nostra storia personale e alle nostre emozioni. La nostra voce racconta qualcosa di noi. Voice in (E)motion è un laboratorio per esplorare, sperimentare e suonare il nostro strumento più personale. Esplorare la voce attraverso il corpo può essere un’esperienza giocosa e liberatoria. Esprimerla e mescolarla nel gruppo può portarcia vivere momenti di profondagioia e catarsi. Il workshop è diviso in tre parti: in primo luogo, esploreremo e sperimenteremo come il suono interagisce con il nostro corpo (riscaldamento corpo-voce: respirazione; rilascio del diaframma; ricerca del suono interno; movimento nello spazio; gioco di suoni nel corpo);  quindi, impareremo le abilità per migliorare la nostra voce e “cantarla” (la nascita del suono; risonanza; qualità; supporto; articolazione); infine, utilizzeremo le nostre abilità per interagire con gli altri: attraverso giochi, improvvisazioni e imparando semplici melodie e polifonie. I partecipanti sono invitati a portare una canzone o una semplice melodia della loro infanzia, o a cui sono affezionati. Ne arrangeremo qualcuna per cantarla con il gruppo.  Il workshop è aperto a qualsiasi livello ed età. Non è richiesta alcuna conoscenza musicale o lettura di note. L’obiettivo del workshop è esclusivamente quello di esplorarela propria voce divertendosi e provare la gioia del cantare insieme.

MOVING & FLOWING INTO SPACE - Danza

MOVING & FLOWING INTO SPACE - Danza

con Sara Ponton

Tra tutti gli elementi, l’Etere è quello che più mi affascina. Questo spazio è davvero così impalpabile o ha una consistenza?
La musica ci porterà a contatto con lo spazio intorno a noi, quello spazio che negli ultimi mesi abbiamo potuto percepire stretto, limitato. E in questa danza spontanea incontreremo la vastità dello spazio che è il nostro corpo, incontreremo i limiti, le forme, le possibilità, danzeremo la pienezza, il vuoto, la saggezza di un corpo che sa e che esprime molto più delle parole. Attraverso la conscious dance, Azul, ed elementi di danza creativa, creeremo LO SPAZIO dove danzare attraverso l’ascolto di quelli che sono i centri saggi del corpo, piedi, pancia, cuore, testa, mani. Ascolto-mi connetto. Permetto al movimento di seguire il fluire, senza condizionamenti. Mi apro allo spazio, alle possibilità. Mi Muovo Verso e Incontro, me e l’altro. Il corpo sa. il movimento e’ autentico. Lascio che accada.

ECSTATIC DANCE - Danza

ECSTATIC DANCE - Danza

con Max Passante

Partecipare ad un evento di Ecstatic Dance significa entrate in uno “spazio aperto” e privo di giudizio, ed esplorare l’esaltante sensazione di muoversi liberamente nel proprio corpo. Sei invitato a connetterti, giocare, sudare, allungarti, rilassarti, rinnovarti, rilasciare, improvvisare, trasformare. Rimanendo fedele a te stesso, rispettando il tuo corpo, in uno spazio sacro che co-creiamo insieme. Nella Ecstatic Dance si crea un ambiente sicuro e rispettoso che abbraccia “tutti i sentieri”. Una pratica di movimento che sostiene la tua libera espressione delle emozioni e dello spazio interiore attraverso il movimento e la musica. L’auto-esplorazione, la connessione, la guarigione, l’espansione del potenziale umano, la realizzazione ed il sostegno della community.
IL TEMPO CHE CURA - Vegetorapia

IL TEMPO CHE CURA - Vegetorapia

con Antonella Messina

Ritrovare il tempo di cura e di salute dentro un mondo dove il tempo sembra non bastare mai. Dove abita il nostro tempo? E’ possibile individuare e lasciare interagire un tempo interno ed un tempo esterno relazionale? Tramite acting, movimenti corporei che interagiscono con il nostro sistema vegetativo, è possibile incontrare emozioni e accadimenti che hanno segnato il nostro corpo/mente dalla vita intrauterina alla vita adulta. Il senso è ri-attivare sensibilità utili ad ascoltare il “nostro tempo”, in un momento storico che ci richiede di essere performanti, attivi, veloci, prestanti. All’interno del workshop ci sarà spazio per mettere insieme percezioni, vissuti corporei, saperi (sapere viene da sapio, sapore), racconti della vita quotidiana. Le ricerche personali dei presenti  saranno utili per riflettere su un Sindacato della Salute che ci aiuti a stare dentro il tempo interno per ascoltare la possibilità di una consapevole , dolce, tonica, sostenibilità della vita quotidiana.

GIOCOLERIA PER TUTTI - Circo workshop

GIOCOLERIA PER TUTTI - Circo workshop

con Andju Ormeloh

Una proposta di scoperta della giocoleria, un momento aperto a tutti per provare a giostrare  clave, foulard, palline, diabolo  e/o  piattini cinesi. Un momento di condivisione e gioco.

GIROKINESIS - Health workshop

GIROKINESIS - Health workshop

con Francesca Nardo

Il metodo di movimento Gyrokinesis accompagna il corpo nella consapevolezza di essere qui e ora. Attraverso semplici movimenti eseguiti con un ritmo costante e abbinati al respiro, i sistemi si riattiveranno e il corpo si pulirà dalle tossine e da tutto ciò che ristagna nel suo interno a causa della stasi. Il sangue e la linfa si muoveranno più facilmente e questo permetterà una rigenerazione totale. È una tecnica di movimento consapevole che può sia aiutare il corpo in una riabilitazione post traumatica, sia donare qualità e maggiore intensità ai movimenti che si svolgono abitualmente nel quotidiano. Juliu Horvath ha creato questo metodo di movimento nel processo di riabilitazione per diversi infortuni subiti che lo hanno costretto ad interrompere la sua carriera da danzatore. Isolatosi per 6 anni sulle montagne delle Isole Vergini, immerso nella completa ricerca personale, praticando tutti i giorni yoga, meditazione, sperimentando il movimento e diverse pratiche di guarigione, ha ideato il metodo di movimento Gyrokinesis a cavallo tra gli anni ’70 e ’80.

AUTOMASSAGGIO e SCRUB - Health workshop

AUTOMASSAGGIO e SCRUB - Health workshop

con Francesca Nardo

Con lo scrub e l’automassaggio andiamo a pulire la pelle dalle cellule vecchie per permettere alle nuove di respirare e in più attiviamo la circolazione linfatica e venosa. Attraverso la pratica dell’ automassaggio il corpo allena la capacità del sentire sè stesso, percepirà sia il dolore come sintomo su cui lavorare e sia potrà godere delle belle sensazioni grazie alla riattivazione del sistema nervoso centrale.

DRUM CIRCLE - Rhythm workshop

DRUM CIRCLE - Rhythm workshop

con Mauro D’Alessandro

Un Drum Circle è un coinvolgente cerchio ritmico in cui tante persone si trovano insieme a suonare tamburi e percussioni e, mentre si divertono e liberano la propria energia vitale, realizzano tutto il loro potenziale musicale tramite il sostegno di un facilitatore.

ZONA ARCOBALENO - Danza Olistica

ZONA ARCOBALENO - Danza Olistica

con Marco Ubaldi

La pratica vuole prima di tutto creare le fondamenta per un muoversi autentico, partendo dalla propriocezione ed alcuni aspetti somatici, per arrivare alla tecnica abitando in presenza il corpo. Percorreremo diverse strade: la differenziazione delle dinamiche, l’intenzione e proiezione del movimento, capacità personali di azione, di creazione, di percezione, comunicazione con la natura, d’immaginazione e d’ improvvisazione. L’aspetto importante nella danza sarà il piacere del muoversi in sicurezza sorprendendoci di quello che il corpo può fare andando oltre le nostre abitudini per trovare ognuno la propria danza originale.

RACCONTI FATTI GIOIELLI - Art workshop

RACCONTI FATTI GIOIELLI - Art workshop

con Jenny Londono

Credo che mani e cuore siano connessi, perciò si dice che tutto quello fatto a mano è fatto con il cuore.
Insieme cercheremo un dialogo armonioso tra il sentire e il fare dando vita attraverso la tecnica orafa “wire” ad un oggetto da indossare unico e irripetibile come te e la tua creatività. Porta con te un seme, una pietra o un legno di piccole dimensioni ti mostrerò uno dei modi per farlo diventare un gioiello.

MUSIC & ART PERFORMANCE

La Musica è la danza dell’Anima“. Notti con musica, danza e performance artistiche in una scenografia magica. Un Line Up ricco di vibes da tutto il Mondo; metodi e stili diversi con la comune intensità che sprigiona e libera l’essenza e le emozioni. Di seguito le attività suddivise per aree tematiche: MusicArt Performance

MUSIC

BAGNO DI SUONO  - Dj Set

BAGNO DI SUONO - Dj Set

con Hugo Sanchez, Tropicantesimo crew + guest

Raccogliere suoni dell’ambiente durante tutti i giorni del festival. Come ci diceva lo scorso anno Carlo Infante, non chiamiamolo più festival, ma ecosistema. E riportiamoli in una dimensione quasi onirica, nelle ore del risveglio, cioè il momento più importante della giornata.

 

IL NASO NELL’ORECCHIO - Live Set

IL NASO NELL’ORECCHIO - Live Set

con Økapi

“Nei suoi live-set Økapi mescola sonorità Techno, broken-beat, electro e 8-bit con melodie klezmer, polke, musiche per bambini, idiot-pop, musica hawaiana…”
Il “Naso nell’orecchio” è un progetto portato avanti da Økapi da ormai un decennio. Nato come mashup-set si è poi perfezionato nel tempo come un vero live. La formula resta la stessa: un serrato e folle susseguirsi di ritmi/melodie/armonie proveniente dal bizzarro ma collaudato immaginario di “Økapi”, un vorticoso gioco a sorpresa …
10 anni fa, in un vecchio flyer, questo progetto veniva annunciato così: “Pop decaffeinato per stetoscopi stereofonici, gospel insofferenti, inni da salotto e caprette al galoppo”… Quale miglior descrizione?

CHILDREN WORKSHOP TELEVISION - Children Music

CHILDREN WORKSHOP TELEVISION - Children Music

con Økapi

Children Workshop Television è un progetto portato avanti da Økapi da ormai una ventina d’anni. Nato come mashup-set è diventato nel corso del tempo un riferimento come “children-music” d’accompagnamento per attività per ragazzi (e non)! Gli ingredienti sono sempre gli stessi: un caleidoscopico mix di future pop, bizzare melodie vintage, collage di umori cinematici, “chill-core” sperimentale per tutte le età! … Økapi vi accompagnerà dolcemente in piccolo viaggio imprevedibile e colorato!

TROPICANTESIMO - Workshop/Performance  Sonora

TROPICANTESIMO - Workshop/Performance Sonora

con Hugo Sanchez,  Tropicantesimo crew + guest
La crew di Tropicantesimo si allarga per estendere la ricerca sul campo sonoro. Nei giorni del festival si vogliono esplorare le dimensioni acustiche del luogo in forma di workshop aperto, per restituire durante la festa una energia in scambio, anzi in divenire. Il ritmo può nascere dai nostri passi, respiri, il cosmo sta già ballando.

TANGRAM - Concerto

TANGRAM - Concerto

con Daniel Damascelli / Lisa Damascelli

Tangram è un rompicapo cinese che consiste in sette forme geometriche da assemblare a piacimento creando ogni volta figure diverse. Così provano a fare con la loro musica ibrida Lisa (oud, chitarra, voce) e Daniel (kora, piano, voce) Damascelli, due fratelli romani che per background e vocazione amano viaggiare ed esplorare, e spesso e volentieri lo fanno attraverso la musica. Lisa dopo anni di studio classico e moderno della chitarra si innamora dell’oud, il liuto di origine mediorientale, approcciandosi al mondo della musica modale attraverso il repertorio e le tecniche persiana, araba e recentemente turca e greca. Daniel studia pianoforte classico e moderno; dopo una parentesi di musica elettronica scopre la kora, l’arpa a 21 corde dell’Africa dell’Ovest, suonata dai griot, i cantastorie locali e ha poi l’opportunità di approfondire lo studio dello strumento in Senegal e in Gambia. Nel settembre 2020 registrano presso Echo Loco Recording Studio di Roma il loro omonimo album d’esordio che esce online a dicembre 2020 e cartaceo nel gennaio 2021. Il disco, che include sonorità che abbracciano anche il Sud Italia, il blues, il jazz e il rock, è in sé un viaggio di esplorazione dove luoghi geografici e luoghi interiori apparentemente lontani si trovano a dialogare tra loro: secondo Lester, rivista musicale della capitale, Tangram rappresenta “la culla di un passaporto strappato (…) un viaggio verso casa, in tutte le direzioni”.

GNAWA - Concerto

GNAWA - Concerto

con Oussama Kouyou

Gnawa non è solo musica: è terapia, magia, comunità. La gnawa è la musica degli schiavi neri dell’Africa sub-sahariana che in Nord Africa venivano chiamati ignawen, dal colore della loro pelle. Quelli che non venivano mandati in America e Europa, venivano assoldati nell’esercito in Marocco: è qui che i ritmi subsahariani si mischiano alla spiritualità Islamica e danno vita a un nuovo genere. Nella gnawa, il ritmo e il movimento servono a mandare in trance e ad entrare in contatto con gli spiriti dentro di noi che ci connettono con l’esperienza del divino. Quello che in Marocco è diventato gnawa, in America è diventato blues: sentimento, desiderio di libertà e di ricreare un senso di comunità. Gnawa e blues diventano due generi diversi ma con la stessa anima.  Oussama Kouyou viene dalla valle del Draa, una delle aree del Marocco dove gli ex-schiavi neri si stabilirono quando la schiavitù fu resa illegale. Si può dire che la gnawa è nel loro DNA, ma il Festival Gnawa di Essaouira gioca un ruolo fondamentale. Lì assistono alla loro prima “lila”, il rituale vero e proprio di gnawa che dura dal tramonto all’alba. Da lì il guimbri li segue ovunque, e con esso lo spirito che parla loro tramite musica e emozioni. Ad esso attribuiscono l’ispirazione e l’atmosfera avvolgente e fuori dal tempo che si crea quasi per magia durante le serate di musica gnawa. Si viene trasportati in un luogo dove “tutto è permesso”, dove se ci si lascia andare all’effetto “trance” l’esperienza può diventare viscerale e indimenticabile.

HORO' - Performance Sonora

HORO' - Performance Sonora

Con Filippo Lilli e Mattia Abballe
Horò è il nome di una danza Bulgara composta da un grande girotondo, realizzato con lunghe catene di ballerini che si muovono al ritmo dei tamburi o di altri strumenti tipici. Filippo Lilli e Mattia Abballe eseguono un flusso sonoro che si compone di una selezione di campionature del panorama musicale etnico dell’area dei balcani, un set elettroacustico di campane tubolari, cimbali e altri metalli, il cui aspetto melodico è affidato al sassofono.

EXI BONSAI - Concerto Dj set

EXI BONSAI - Concerto Dj set

Con EXTERNAL INPUT

Considerando il posto, il micro clima, l’ambiente e la nostra ultima Release.

ART PERFORMANCE

POETICLES - Letture

POETICLES - Letture

con Aurora Kastanias

Lettura del diario di bordo di un poeta, ritraente le realtà e le imprese dell’umanità, mentre naviga attraverso gli oceani di una mente che ne afferra lo spirito, seguendo le rotte della sua esistenza lungo la corrente del tempo, trasportata dai venti di sentimenti che ineluttabilmente riconoscono, l’unificante interconnessione di un beneamante Tutto; solo per arrendersi, placidamente, all’insondabile volontà della natura, che non desidera altro che cullarci, nei tranquilli abissi di uno spazio in eterna evoluzione.

LEGGERO - Art Performance

LEGGERO - Art Performance

con Fabio Ghidoni aka Nomonk

Prosegue il dialogo permorfativo con la valle che ospita Meletao. Ma se non c’eri nell’edizione precedente, forse vorrai sapere cos’è successo, di che tipo di dialogo stiamo parlando… Si tratta di proporre un tema (l’anno scorso era la distanza, quest’anno il peso) e creare, durante tutto il festival, dei segni, delle azioni, dei giochi, che diano il via ad improbabili conversazioni. La raccolta di tutte le immagini nate l’anno scorso è stata chiamata IL MUSEO DELLE MISURE. C’eravamo lasciati segnando su un bastone la nostra idea di metro. Misurando le forze del vento sui rami del melo. Calcolando il punto in cui avremmo visto, anche quella notte, apparire la luna. Allora quest’anno, durante l’arco di tutto il festival, la proposta è di dedicarci alla costruzione di un  MUSEO DELLA LEGGEREZZA. Dell’essere leggèro. Dove lo sentiamo? Dove lo vediamo? Come lo portiamo? Sei personalmente invitato a far parte della creazione di questo museo. Fabio (aka NOMONK) farà da guida al processo. Puoi unirti a lui se, quando e come puoi. Davvero.

WAITING FOR THE EARTHQUAKE - Performance

WAITING FOR THE EARTHQUAKE - Performance

con Nela Lucic e Valentina Azzurretti Mambina

Aspettando il prossimo TerremotoNasce dalle riflessioni nate in seguito a dei forti terremoti che hanno colpito la Croazia, la città di Zagabria e dintorni soprattutto,durante l’anno passato.Ha scosso la Terra, le persone e distrutto le case. Quest’anno, a fine maggio, gl’esperti avevano pronosticato altri terremoti, che sarebbero dovuti partire sempre dalla Croazia, attraverso la Slovenia e colpire l’asse centrale dell’Italia. Non è successo, per fortuna. Cosa fare, nel mentre…?! Non stare ad aspettare passivamente, provare invece a comunicare con Madre Terra, sentirsi tutt’uno con Essa e non temerla, per sentirsi ‘al sicuro’. La Terra contiene il Fuoco, L’Aria sposa L’Acqua – Proponiamo questa performance meditativa.  Contempliamo gli elmenti Terra-Fuoco, il radicamento cioè la connessione con le nostre radici, seduti sulla Terra, intorno al rituale del Fuoco. Un dj set di sonorità selezionate andrà a risvegliare i primi 3 chakra.  . L Acqua-Aria .Una danza propiziatoria intorno al fiume stimolata dalla musica che agiranno sui restanti 4 chakra, partendo dal chakra del Cuore, il punto d’unione, il corridoio di luce tra Terra & Cielo, che verrà attraversato con delle parole magiche, mantra di guarigione.

NATURARTE- Visual Art Performance

NATURARTE- Visual Art Performance

con Alice Felloni

L’idea del progetto di visual art per Meletao Festival ha il proposito di unire l’arte alla natura al fine di valorizzarla. L’intenzione è quella di far esprimere visivamente le fronde degli alberi attraverso proiezioni di arte digitale 3D in audio reactive con i progetti di sound, diffusi durante le 3 serate. Ogni sera avrà un tema visual differente a seconda del tipo di sound.Un viaggio dove l’immagine suona attraverso gli alberi, in continuo movimento, per via del vento tra le foglie. Questo permetterà allo spettatore di vedere sempre qualcosa di diverso. Sarà la natura a scegliere come trasformare la digital art proiettata e lo spettatore sarà libero di interpretarla. In questo progetto visivo l’idea è quella di mettere in contatto la natura con gli occhi di chi partecipa. L’artista è esclusivamente il trait d’union.

 

ISPIRATIONAL TALK

“Tanti sono i progetti belli, e bello è, frasi ispirare dalle persone che son riuscite a perseguire i propri sogni, a fare la differenza anche se piccola nel Mondo, o anche, bello è, ascoltare chi ci sta provando. Chissà, forse questo incontro può ampliare la consapevolezza e lo scambio di intenti, collaborazioni e unioni. Diamo voce a le cose importanti, piccole e grandi”.
QUINTO PAESAGGIO - Presentazione

QUINTO PAESAGGIO - Presentazione

con Diego Repetto

Da un dialogo di oltre 50 persone sviluppato sulle frequenze di Radio Antidoto con la piattaforma connettiva Riavviaitalia durante il 2020 si sono raccolte idee/input/esperienze per immaginarsi un nuovo modo di fruire degli eventi artistici e delle performance dal vivo negli spazi adibiti alla Cultura, per trasformare la percezione del distanziamento “sociale” e per connettere vari siti distanti fisicamente tra loro ma molto simili nello spirito culturale che li anima. C’è una teoria dell’architetto Diego Repetto che ci attrae. È sul Quinto Paesaggio, un percorso di ricerca in cui viene approfondito il concetto della centralità dell’immagine e del suo impatto performativo come creazione di processi virtuosi di valorizzazione e rivitalizzazione del paesaggio. Grazie all’atto creativo si introduce nella realtà di un territorio un contributo innovativo, caratterizzato da nuove dinamiche percettive tra spettatore e processo artistico. Ciò può diventare opportunità di rigenerazione socio-culturale, tramutando gli spazi interstiziali distopici delle città disgregate o i centri storici dei piccoli borghi o le periferie destinate ai margini come dei luoghi rivelatori, più che accessibili, accoglienti.

 

HEALING – TRATTAMENTI

Un momento intimo e personale, per approfondire e ritrovare il proprio equilibrio e benessere. Uno spazio individuale dove potrai godere di un massaggio Ayurvedico, piuttosto che uno scambio energetico Reiki, Herbal healing oppure Shiatsu e molto altro…a tua scelta! I Trattamenti individuali non sono inclusi nell’iscrizione; la prenotazione potrà essere effettuata in loco.
AYURVEDA E CAMPANE ARMONICHE

AYURVEDA E CAMPANE ARMONICHE

con Sara Ponton

Massaggio praticato con olii ayurvedici indiani, accompagnato dall’utilizzo di campane armoniche e diapason.

SHIATSU

SHIATSU

con Ivan Radicioni

Shiatsu in giapponese significa letteralmente “pressione (atsu) con le dita (shi)” e si riferisce ad una forma di lavoro sul corpo che ha origini non ben identificate in oriente ma che venne formalizzato in Giappone nei primi anni del 1900. Più specificatamente lo shiatsu è un’evoluzione dell’Anima, una forma di massaggio che utilizzava punti di pressione e seguiva concetti di medicina tradizionale cinese. Esso si fonda sulla teoria che l’energia (conosciuta come “KI” o “CHI”) scorre nel corpo lungo dei “canali” chiamati meridiani. Un tranquillo, equilibrato flusso di energia lungo i meridiani è considerato essenziale per il mantenimento e il ripristino della salute. Per ristabilire un flusso energetico equilibrato l’operatore Shiatsu usa una combinazione di gentili stiramenti e pressioni dirette, agendo sul meridiano in generale e sui punti “TSUBO” o “acupunti”). È un metodo gioioso per rafforzare la propria salute e migliorare le nostre qualità fisiche, emotive e psicologiche.

MASSAGGIO AYURVEDICO YOGA

MASSAGGIO AYURVEDICO YOGA

con Biljana Ljubisavljevic

È una tecnica riabilitativa originaria dell’India. Utilizza oli vegetali e piante specifiche, per rilassare e allo stesso tempo stimolare i processi vitali andando a riequilibrare in particolar modo il sistema muscolo-scheletrico, quello immunitario e quello circolatorio aumentando le capacità depurative dell’organismo rinvigorendo il corpo e la mente liberandolo dalle tensioni accumulate, alleviando le contratture croniche; incrementando l’energia vitale dell’organismo.

TOUCHING THERAPY - TMP

TOUCHING THERAPY - TMP

con Andju Ormeloh

 TMP Telemagnetopathia – Riequilibrio energetico, il “Tocco” le mani aiutano a indirizzare la tua attenzione, di sentirti ed entrare in simbiosi con te stesso. Le mani del terapeuta fanno da tramite (un ponte) in tale maniere si riesce più facilmente a “essere conesso” e riequlibrare li campo energetico, Le mani sono un aiuto una guida al potere di autoguarigione.

BIOLISMO

BIOLISMO

con Francesca Nardo

Biolismo significa “La massima espressione di Te” significa sentire la profonda unione tra il proprio essere e la vita e muovere sé stessi verso il benessere personale. Per far sì che si sviluppi c’è bisogno di nutrirsi di arte in tutte le sue forme e in un ambiente così pieno di bellezza è perfetto. Nutre le anime e il loro Biolismo con il movimento e i massaggi.

FELDENKRAIS

FELDENKRAIS

con Marcella Carrara

Il Metodo Feldenkrais® è un metodo di auto-educazione attraverso il movimento, che prende il nome dal neuro-scienziato, fisico e ingegnere israeliano che lo ideò: il Dott. Moshé Feldenkrais (1904-1984). Il Metodo è un raffinato approccio all’apprendimento umano tramite il movimento, che si basa sulla capacità del sistema nervoso di riorganizzarsi in risposta a nuovi stimoli e migliorare le funzioni neuro-motorie per tutta la vita e in qualsiasi condizione. Imparando a distribuire il lavoro muscolare nel modo più economico possibile, si riducono sforzi e tensioni e ci si muove con più facilità e senso di fluidità, leggerezza, armonia. Sensazioni che si diffondono a tutti i livelli: fisico, emotivo, psicologico.
È una tecnica delicatissima e non invasiva, il tocco è gentile e rispettoso, la funzione è di comunicare alla persona informazioni su sé stessa. L’insegnante tocca lo studente in modo da rispecchiare lo stato attuale del suo organismo; lo tocca e lo muove per mandare messaggi al sistema nervoso e per stimolare la scoperta di alternative alle proprie abitudini. Le lezioni durano 50 minuti.

BIOGRAFIE

MICHEAL CRACCHIOLO
Helios Yoga

Nei suoi insegnamenti fonde la tradizione mistica dello Yoga con un approccio moderno sviluppato lungo il suo percorso di vita. Ha trascorso 6 mesi in India, inizialmente presso l’Ashram di “Sivananda Yoga” in Kerala e poi a Rishikesh presso il “World Peace Yoga School” per studiare lo yoga e la cultura Indiana.
In questo viaggio ha incontrato insegnanti straordinari, molti Indiani radicati nell’approccio tradizionale e altri provenienti da tutto il mondo, incentrati su un approccio più moderno. Ha trascorso 3 mesi a Rishikesh, la “capitale” dello Yoga, dove ha conseguito il certificato da 500 ore.

Torna a Workshop

IVAN RADICIONI
Aikido Kinorenma / Shiatsu Mi Zai / Trattamento Shiatsu

Laureato in discipline Sociologiche e Medico- Etno-Demo-Antropologiche. Attraverso continui soggiorni in India, Sud America, Africa e Tailandia ha approfondito sul campo lo studio delle culture e delle terapie mediche. Ad oggi è terapista Shiatsu Diplomato e insegnante responsabile dell’Istituto Mi Zai Shiatsu Roma. Ha integrato il suo percorso con vari studi ed altre tecniche apprese durante i soggiorni di studio e ricerca. Praticante di Yoga, II Dan di Aikido, praticante di meditazione Zen, segue gli insegnamenti del Kinorenma del Maestro Hiroshi Tada IX Dan di Aikido. Sia appassiona alle filosofie tradizionali e la sua indole poliedrica lo ha portato a studiare e collaborare in varie contesti dal teatro, alla musica, alla danza. L’arte compresa quella marziale è uno strumento di Unione con il tutto dentro e fuori di noi.

Torna a Workshop

GIOIA DI BIAGIO
Kintsugi Puzzle

Gioia Di Biagio, nata a Firenze nel 1985, è appassionata di arti sceniche.
In collaborazione con la sorella fotografa, ha creato il progetto Fragile, che ha permesso la sensibilizzazione su una malattia rara quale è l’Ehlers Danlos. pubblicato dalla CNN, Internazionale e ospite di diversi festival di fotografia.
Ha ideato la performance “Io mi Oro” proposta alla Triennale di Milano, Biblioteche di Roma, Bottega di Palazzo Strozzi a Firenze e su Raiuno per Telethon. Nel 2016 Cristiana Capotondi le ha dedicato il cortometraggio “Gioia in Movimento”. A giugno 2018 è uscito il suo libro “Come oro nelle crepe” edito da Mondadori.
Domenico Iannaccone ha dedicato a Gioia una puntata di “Che ci faccio Qui” andata in onda su Rai3.
Da circa dieci anni suona, idea e mette in scena spettacoli poetici e onirici con il gruppo musicale Le Cardamomò, esibendosi in Italia e all’estero.
L’artista si confronta attraverso incontri, TED, conferenze e laboratori con diverse realtà associative ed istituzionali, ha collaborato con i siti abilitychannel e heyoka che parlano di disabilità a 360 gradi.

Torna a Workshop

OMBRETTA DI SIMONE
Danza aerea

Acrobata e Trapezista insegna le discipline aeree da diversi anni, presso scuole di Circo di Roma e in Italia. Si è Laureata in Scienze Motorie e diplomata a l’Ecole de Cirque pedagogique de Bruxelles, attualmente è direttrice tecnica della scuola CircoRaggio, a Roma e collabora nella formazione nazionale per operatori di circo.

Torna a Workshop

BILJANA LJUBISAVLJEVIC
Gemmoterapia

Erborista, amante delle discipline olistiche e della natura. Diplomata in Erboristeria presso la Scuola Scienze e Tecniche del Comune di Roma. Si è specializzata presso l’Accademia delle Arti Erboristiche di Roma. Ha studiato con l’associazione Hortus Hernicus di Marco Sarandrea le modalità di ricerca e raccolta delle piante officinali . Appassionata delle cure vibrazionali, ha studiato Floriterapia con la Floriterapeuta Roberta Medda Faris. Operatrice Access the Bars. Ha frequentato la scuola di massaggio Ayurvedico Yoga con insegnante Shakti Martinez e sogna di unire queste passioni dove il massaggio e l’uso delle piante possano incontrarsi nella pratica della cura di Sé. Sperimenta e studia i colori naturali per la colorazione dei tessuti e Eco- Printing. Propone laboratori pratici di autoproduzione erboristica, cibi fermentati, saponi e detersivi naturali. Vorrebbe condividere quanto le è stato insegnato, e riscoprire insieme la tradizione erboristica alla luce delle moderne conoscenze, per il piacere di stare insieme e fare qualcosa con le proprie mani. Apicoltrice e Permapicoltrice , ha studiato Apicoltura con l’ANAI Lazio, con il patrocinio del Ministero delle politiche agricole alimentari e Forestali. Ha studiato Permacultura con Saviana Parodi. Appassionata di permacultura, apicoltura urbana e bioedilizia che haavuto il modo di conoscere tramite l’Architetto Paolo Robazza. Ha creato orti con i bambini delle scuole primarie e degli asili nido. Progetto del quale va particolarmente fiera è la creazione e la cura di un orto sinergico in un campo Rom, in via di Salone a Roma, curato insieme ai bambini e ai genitori. Il progetto di giornalismo ambientale realizzato insieme ai bambini ha portato anche al conseguimento del primo premio al concorso internazionale “Giornalisti nell’Erba”. Negli ultimi anni si è dedicata all’autoproduzione come stile di vita, che come la conseguenza ha una enorme riduzione dei rifiuti.

Torna a Workshop

FUTURA TITTAFERRANTE
Fuori (il) Corpo

Inizia il suo percorso come scenotecnica per il teatro ed in seguito, possedendo una formazione tecnica acquisita da piccola con suo padre, inizia a fotografare in teatro raffinandomi con l’esperienza e nel corso della collaborazione con Marco Caselli Nirmal. La sua formazione è in Emilia Romagna e nel corso degli anni espongo tra Italia, Francia e Malta fondando e avviando progetti performativi all’interno della sua precedente casa nel centro storico di Bologna, spazio grembo dedicato alle residenze artistiche: l’ancora attiva, sotto nuova gestione, Maison Ventidue. Reporter e fotografa di scena, crede nell’idea della fotografia come documento restando consapevole dell’impossibilità di neutralizzare lo sguardo. Coinvolgendo la sua visione nei paesaggi e osservando il corpo alla ricerca di tracce della sua esperienza interiore, tento di ricostruire mondi e reinventare i suoi ricordi: una ricerca fatta di frammenti difficilmente ordinabili in un discorso unico. Un momento successivo del suo percorso inizia ritornando al bagaglio formativo legato alla costruzione di scenografie e al lavoro materico. Inizia nel 2015 a stampare le sue immagini e a sperimentare con i materiali, pescando a piene mani negli elementi naturali, alimentari e chimici e nei materiali d’archivio iniziando a produrre quelle che definisco sofisticazioni della stampa. Incide, impressiona, rarifice
e agisce fisicamente sulle stampe. Le sue fotografie ed i suoi lavori diventano un manufatto non riproducibile

Lucia Guarino
Fuori (il) Corpo

Nata nel 1982 a Foligno, Perugia- Italia. Ha studiato danza classica, jazz moderno, si è laureata in architettura e contemporaneamente ha studiato contemporanea ricerca sulla danza e sul movimento. Dal 2010 diventa danzatrice e coreografa professionista di danza contemporanea in Italia, Belgio, Spagna anche e Argentina con coreografi come Marina Giovannini, Samuele Cardini, Cristina Rizzo, Alessandro Certini, Virgilio Sieni, Lisbeth Gruwetz, Simone Forti, David Zambrano, Peter Jasko, Wim Vandekeybus, Marten Spangberg, Maria Donata D’Urso, Willy Dorner, Contact Gonzo, Tom Weinberger, Kinkaleri, MK, Jan Fabre, Fabrizio Favale, Claudia Castellucci, Giorgio Rossi, Kat Valastur, Myriam Gourfink, Raffaella Giordano. Fondamentale per lei è stato l’incontro con Marina Giovannini, Virgilio Sieni, Cristina Rizzo, Kinkaleri, Romeo Castellucci, Lisbeth Gruwetz, Simone Forti, Simona Bertozzi, Myriam Gourfink. Viene selezionata per progetti di ricerca e formazione nazionali e internazionali sulla coreografia: “The Academy of Empty “,” Dance Moves Cities “2013”, KLM “2015,” Volcano # 3 “2017, Workspace ResearchX 2019. Dal 2018 è insegnante di “Dance Well – ricerca sul movimento per il Parkinson”. Come interprete ha collaborato con: SemiCativi Compagnia, Verderame Company, Loom Factory, Romeo Castellucci, Lisbeth Gruwez, Anna Marocco, Camilla, Daniele Ninnarello, Compagnia Simona Bertozzi / Nexus, Virgilio Sieni, Alessandro Carboni. I suoi progetti come coreografa sono presentati in festival e teatri come Performati Altri, Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Terni Festival, Dance Moves Cities, Movin’Up, Performing Santa Caterina, Teatrum Botanicum Emerging Talents, Steam Laundry, Teatro Libero Palermo, BeFestival, Nexus Factory, Novara Jazz Festival, Genius Loci, Asti Theatre Festival, Young Jazz Festival, Kilowatt All Year.

SARA PONTON
Moving & flowing into space – Danza / Ayurveda e Campane armoniche

La danza ha fatto sempre parte della sua vita. Crescendo ha sentito il bisogno di sperimentare e questo l’ha portata ad incontrare danza contemporanea, africana, biodanza, contact improvvisation , NIA (Attività Integrativa Neuromuscolare). Il suo amore per i viaggi le ha permesso di farsi “contaminare” da ritmi, movimenti, colori e culture apparentemente diversi tra loro ma allo stesso tempo così facili da fondere assieme, in quello che definisce incontro tra Oriente e Occidente. Nel 2018 inizia il percorso di formazione in Danza Creativa metodo Fux e da un anno fluisce nella bellezza di Azul, della “famiglia” della conscious dance, con la quale sta seguendo il teacher training. Grazie alla pratica negli anni dell’Ayurveda e all’osservazione della Natura ha sentito la spinta a portare nelle sue classi di danza il focus sui cinque Elementi che costituiscono il Cosmo intero, e quindi il nostro corpo. La musica ci aiuta a connetterci con il corpo, scoprendo lo Spazio dentro e fuori di noi, la Terra che ci sostiene e ci da ritmo, radicamento e connessione con il battito primordiale, l’Aria che respiriamo, l’Acqua che ci abita e che rende fluido il movimento, il Fuoco che accoglie, trasforma e libera. Da sei anni pratica massaggi ayurvedici, a seguito di studi condotti in Italia e in India, seguita da un medico ayurvedico che le ha trasmesso la sua conoscenza e passione per questo mondo immenso che è la medicina ayurvedica. Utilizza campane armoniche e diapason, strumenti che ha iniziato ad amare e a conoscere dopo aver iniziato il percorso e conseguito l’abilitazione come operatore di suono armonico con Albert Rabestein.

Torna a Workshop

MARCO UBALDI
Danza Olistica

Segue da venti anni una formazione non accademica come danzatore, ricercatore e performer. Nel suo percorso di formazione e ricerca l’interesse principale è stata l’ improvvisazione. Ha studiato con: Nita Little, Daniel Lepkof, Julyen Hamilton, Kristie Simpson, Katie Duck, Andrew Harwood, Nina Dipla, Sasanne Linke, Alito Alessi, Jess Curtis, Inaki Azpillaga, Claude Coldy, Beatrice Libonati, David Zambrano, Herns Duplan, Jordy Cortes Molina, Frey Faust, Dominique Dupuis, Koshro Adibi tra alcuni dei più noti.

Torna a Workshop

MARCELLA CARRARA
Sessioni individuali Metodo Feldenkrais, Recuperare il piacere di muoversi Metodo Feldenkrais

Marcella Carrara è un’artista del movimento, insegnante di Pilates certificata presso Corpus Studios TM a Bruxelles, educatrice di Movimento Somatico diplomata in Body-MindCentering® e Metodo Feldenkrais®. Laureata in Italia nel 2012 in DAMS – Disciplina delle Arti, della Musica e dello Spettacolo – presso l’Università di Bologna. Il suo ultimo anno di università si è svolto all’ULB, Université Libre de Bruxelles, attraverso lo scambio Erasmus. Ha trascorso otto anni in Belgio, lavorando come ballerina ed educatrice somatica. Ha studiato diversi approcci al movimento con David Zambrano (flyinglow), Frey Faust e Baris Michi (AxisSyllabus), composizione istantanea (Julyen Hamilton), contactimprovisation (Joerg Hassmann). Dopo la laurea ha lavorato come artista con Joel Pommerat (Cie. Louis Brouillard), Théâtre National de Bruxelles e come educatrice somatica presso Pilates Yoga Brussels (BYP), Yyoga Studio e Yoga Wall Europe. Insegnante ContactImprovisation in diversi contesti e Festival nazionali a Belo Horizonte (Brasile, 2019), in Israele C.I. Festival (2020), ItalyContact Festival (2021). Marcella vive a Roma e insegna educazione somatica sul territorio sia in presenza che online.

Torna a Workshop

ANTONIO D’AMICO
Food Forest, Herbalwalk, Seeds Bomb

Agricoltore naturale lavora da diversi anni studiando e osservando il movimento naturale delle piante, coltivando con diversi metodi naturali tra cui Fukuoka e metodo sinergico e da alcuni anni sta creando una Forest agrigarden. Impegnato in progetti umanitari e volontario di Mani Tese Sicilia ha approfondito metodologie di autorganizzazione e sviluppo maieutico. Condivide con noi la sua esperienza nei Workshop  Agricoltura sinergica – Terra.

XILEF WELNER
Food Forest, Herbalwalk, Seeds Bomb, Apothekary

Fitoterapeuta, Doula, Designer, Synergic Gardner. Lavora,  studia  e fa approfondite ricerche sulla salute  e l’arte da molti anni. Ha vissuto in Indonesia dove ha approfondito la conoscenza sulle piante medicinali tropicali e pratiche mediche locali, ha collaborato con la clinica Bumi Sehat di Ibu Robin Lim e altre realta umanitarie locali, e progettato diversi orti-giardini collaborando con i Green Warriors Earthbound Permaculture e ROLE foundation. Collabora da anni con la Casa maternità “Il Nido” di Roma e la FAO. E’ co-fondatrice di Valle del MeleTao. Tiene corsi e workshop per adulti e bambini in tutto il mondo su argomenti legati all’ambiente, la salute e arte.

GEMINIANO MONTECCHI
Olo-omeopatia

La sua curiosita’ e poliedrici interessi lo portano a fare diverse esperienze. Dopo aver esercitato la professione di geologo, nel 2005 va all’estero impegnandosi in progetti umanitari in paesi come l’Afghanista, il Pakistan, l’Etiopia e Sud Sudan. Nel tempo libero coltiva altri interessi come la Permacultura, la Bioedilizia e Natural Building. Il suo perigrinare per il mondo finisce nel 2014 in Messico, dove incontra il prof RadkoTichavsky che lo introduce nell’agro-omeopatia, e qui intuisce che questa e’ la via da seguire. Cosi tornato in Italia incontra Maria Ernesta ed insieme mettono su famiglia e una azienda vitivinicola ce ha radici nella famiglia di Maria Ernesta e l’innovazione apportata da Geminiano con il metodo agro-omeopatico.

ANDJU ORMELOH
Bolle di Sogni, Giocoleria, TMP

Attrice laureata alla scuola Internazionale di Théâtre Lassaad, Bruxelles, Co- fondatrice della scuola di Circo ‘Circo Maximo’ Roma. Studia danza – Contemporary, Contact Improvisation e Butho, e Arti Marziali – Aikido, Tai Chi, Kalaripayattu.  Insegnante di teatro, presenza scenica, consapevolezza del corpo  e di arti di Circo. Al centro del suo interesse: Il corpo con le sue possibilità fisiche, la sua presenza e la sua energia. Negl’ ultimi 4 anni la sua strada si dirige verso l’ energie curative.  Formazione di Qi gong con G.Prodan TMP con il maestro R. Speckmann Germania  – Il toccare curativo con le mani.

ANTONIA HARPER
Voice in (E)Motion

Cantante, polistrumentista e educatrice musicale. Antonia Harper intraprende da giovanissima lo studio del violino. Successivamente si avvicina al canto lirico e studia nei conservatori di Roma e Benevento, specializzandosi in canto barocco. Interessata alle arti performative, prende parte a diversi percorsi di formazione teatrale e collabora come musicista con compagnie di teatro e di circo. Come cantante collabora con gruppi folk, cori e ensemble di musica antica. Nel 2010, fonda il gruppo folk Le Cardamomo, con cui si esibisce da più di dieci anni. Oltre all’intensa attività musicale, da diversi anni svolge attività di educatrice nelle scuole, coach vocale in laboratori di teatro e di musicae insegnante di canto. Dopo aver intrapreso diversi percorsi di formazione vocale, tra cui il Metodo Linklater, ha ideato il suo metodo personale che insegna sia a individui che a gruppi. Dal 2019 vive in Inghilterra dove insegna e lavora nel sociale. Parallelamente scrive le musiche per il suo primo progetto solista. Dal 2020 frequenta un Master di Musicoterapia all’Universityof the West of England a Bristol.

MAURO D’ALESSANDRO
Drum Circle

Inizia la carriera artistica con un personale percorso sperimentale di musica concreta, acustica ed elettronica, spaziando tra il teatro, la danza e il cinema, collaborando con diverse compagnie a artisti di fama internazionale. Da venti anni conduce numerosi laboratori di propedeutica e workshop di formazione musicale; body percussion; per la messa in scena dell’attore e del danzatore. Docente per diversi convegni, è tecnico esperto presso l’università la sapienza di Roma per il Master in Teatro nel Sociale e Drammaterapia; esperto nelle scuole elementari statali in progetti multidisciplinari e per il disaggio giovanile. Conduce laboratori per l’inclusione sociale e la riabilitazione di persone svantaggiate. Fondatore e direttore del gruppo musicale “Letizia Drums, (fb)”, progetto musicale integrato nato all’interno della comunità di riabilitazione psichiatrica “Villa Letizia”, Roma. All’estero: Mostar, (Bosnia Erzegovina); Kinshasa (Repubblica Democratica del Congo). Thodupuzha, Kerala, India, centro di accoglienza per figli di ragazze madri Cairo Egitto, festival internazionale “Awladna Internazional Art Forum For the Gifted.

FRANCESCA NARDO
Girokinesis, Camminata, Automassaggio/scrub, Biolismo

Utilizza tecniche di massaggio decontratturante e linfodrenante e il metodo Gyrotonic® per lavorare in modo specifico sul corpo, per allenarlo al proprio ascolto, nel profondo perché viva il più possibile. Ciò che rende vivo un corpo è il MOVIMENTO.

ANTONELLA MESSINA
Il Tempo che cura

Filosofa, Psicoterapeuta corporea reichiana, appassionata di Tarocchi ed Insegnante di Reiki. Dagli studi di psicoterapia, a quelli sull’etnopsicoterapia, l’Educazione alla Pace  e la convivenza tra culture, il tema centrale è la ricerca sul corpo e sui segni che il  tempo incide sul nostro sistema neurovegetativo. Si è specializzata presso la S.I.A.R. (Società Italiana Analisi Reichiana) in Vegetorapia Carattero-Analitica, metodologia introdotta da Wilhelm Reich nel 1932 a partire dalla constatazione dell’unità indissolubile corpo-psiche. La Vegetoterapia propone specifici movimenti corporei, per lo più filo-ontogenetici (detti acting), per contattare contrazioni muscolari, blocchi psicoemotivi, forze ed energie incise sul corpo, dalla vita intrauterina alla vita adulta. L’intento è di  incontrare sul corpo, il tempo interno dei blocchi e delle sosteniblità energetiche per riscoprirne l’intelligenza evolutiva, il significato e la possibilità. La ricerca attuale è tesa ai dialoghi tra i saperi al fine di interagire per la creazione di un Sindacato della Salute che ci aiuti ad incontrare il tempo del “dentro” in un mondo esterno che propone fretta ed accelerazione.

MAX PASSANTE
Ecstatic Dance

Dj, Producer, Ecstatic Dance Dj. Pioniere dell’intrattenimento consapevole, ha introdotto in Italia il concept del Conscious Clubbing, i party “alcool free” e i Rave del mattino con gli eventi: TRANSITION, MORNING GLORYVILLE e attualmente SUNRISERS, e ECSTATIC DANCE. Ha collaborato con David Sye e curato le musiche per YOGABEATS. Incontra la Danza dei 5Ritmi in Inghilterra nel 2007 e dal 2015 al 2020 ha operato in qualità di Space holder 5Ritmi a Roma e Napoli creando la più grande comunità di danze consapevoli italiana. Con il collettivo B-Transition, promuove ed organizza classi, seminari, ritiri di pratiche olistiche e crescita personale: Ecstatic Dance, 5Ritmi, Conscious Dance, Breathwork, Yogabeats.  “La musica è il filo conduttore del mio viaggio di vita. Ho cominciato a lavorare come DJ professionista dall’età di 16 anni. Con il passare degli anni ho sentito l’esigenza di cercare anche un’applicazione più profonda e olistica per utilizzare al meglio l’enorme potere della musica unita al movimento e al respiro. Le esperienze con lo Yoga e Breathwork e l’incontro con la danza consapevole e lo studio dei 5Ritmi di Gabrielle Roth mi hanno aperto a nuove e infinite possibilità di applicazioni delle mie conoscenze e passione per la musica”

HUGO SANCHEZ
Bagno di suono / Performance sonora “Tropicantesimo”

È nato a Roma nel 1974 ed è cresciuto giocando con il giradischi dei genitori e la loro collezione di dischi di pop francese anni ’60. Già a 12 anni ha cominciato a sperimentare con strumenti rudimentali di riproduzione del suono. A 17 anni ha cominciato a fare il dj negli ambiti della produzione di cultura indipendente. Negli anni 2000 ha collaborato con il suono alla costruzione di feste di liberazione queer come Coq Madame, Phag Off e Subwoofer. Negli anni ha costruito il suo studio/laboratorio di produzione multimediale e ottenuto residenze come dj in vari club in Italia e all’estero. Attualmente collabora con Rodion nel progetto ALIEN ALIEN e con la label discografica ROCCODISCO. Assieme al belga DJ ATHOME condivide il progetto FRONT DE CADEAUX. A Roma la sua base è PESCHERIA, uno studio in cui agisce un collettivo di performer locali e di tutto il mondo. Il suo party/evento di riferimento è attualmente TROPICANTESIMO al Fanfulla di Roma.

Torna a Music

ØKAPI
Children Workshop Television / Il naso nell’orecchio

Inizia a suonare con vinili e giradischi, influenzato dalla nuova scena musicale di plagiaristi e dj radicali, mantenendo sempre l’approccio classico “acusmatico” della musica concreta ed elettroacustica. Nel 1992 crea una piccola edizione pirata chiamata Slap-press e diventa membro attivo del M.a.c.o.s. Nel 1997 il duo Metaxu. Il primo lavoro viene commissionato per un evento radiofonico di Phonurgia Nova di Arles (Francia). Negli anni partecipa ad alcuni incontri di improvvisazione suonando con musicisti quali Zu, Mike Cooper, Peter Brotzmann, Mike Patton, Matt Gustafson, Geoff Leigh, Damo Suzuki, Andy EX, Kawabata Makoto, Eugenio Colombo, Vittorino Curci, Niobe, Anna Clementi, Gianni Gebbia, Matt Bernardino Penazzi, Elio Martusciello, Pasquale Iannarella, Roy Paci… Ha composto musica per teatro (Festival di teatro Di Gubbio, Festival di Ostia Antica) e suona spesso con il gruppo JazzCore Zu, collabora con il collettivo audiovisivo “Cane Capovolto” e con il trio francese “Metamkine”.
Nel 2000 crea il trio Dogon, partecipa alla Biennale di Venezia, “Controindicazioni”, “RingRing b92 Around the World”, “Biennale artisti d’Europa e del Mediterraneo” “Musica 90” (Torino) . Sempre nel 2000 suona con il dj radicale americano Christian Marclay per una performance trasmessa da Radio Rai. Con i Metaxu suona all’ “Off-ICMC” festival di Berlino.
Nel 2015 nasce il trio impro K-Mundi (Økapi/Adriano Lanzi/Marco Ariano).

Torna a Music

DANIEL DAMASCELLI
Tangram

Daniel inizia a studiare pianoforte da bambino, prima musica classica da privatista, successivamente piano moderno all’Accademia Europea Musicale di Roma. Prende lezioni di canto tra Roma e Bologna e segue un corso di produzione di musica elettronica a Londra. A un certo punto per caso o per destino il suo percorso incrocia la kora, arpa del West Africa, di cui si innamora. Prende lezioni dal griot (cantastorie) Madya Diebate, su cui poi scrive una tesi in etnomusicologia. Si reca poi a casa del maestro in Casamance, e approfondisce lo studio dello strumento e della cultura locale presso la jalikunda (famiglia) Diebate, in particolare con i maestri Mamadou e Fabouly Diebate. Successivamente si sposta a Brikama in Gambia nella jalikunda Konteh-Jobarteh presso Tata Din Din Jobarteh, in cui studia con Dembo e Pa Bobo Jobarteh. Al momento, oltre a Tangram, sta lavorando a un progetto solista di cantautorato in italiano e collabora con la band bolognese Snake and the Tree, in cui i groove della kora si mescolano col blues-rock.

Torna a Music

LISA DAMASCELLI
Tangram

Lisa ha la fortuna di crescere in una famiglia dove si respira un’arte senza confini; dopo anni di studio classico e moderno della chitarra si innamora dell’oud, il liuto di origine mediorientale. Ha l’opportunità di viaggiare e studiare con musicisti quali Adel Salameh, Negar Bouban, Peppe Frana, Harris Lambrakis, Evgenios Voulgaris, Victoria Taskou, Taxiarchis Georgoulis, Veka Aler, approcciandosi al mondo della musica modale attraverso il repertorio e le tecniche persiana, araba e recentemente turca e greca. Partecipa a diverse esperienze collettive quali l’Orchestra Persiana di Pejman Tadayon, il quintetto Qimar e i Gemma Ensemble a Roma, la band interculturale Musikarama ad Atene e il duo di musiche tradizionali dal mondo Ela Re ad Auroville (India). Rientrata in Italia nel 2020 registra l’album Tangram con il fratello Daniel, suonatore dell’arpa africana a 21 corde.

Torna a Music

TROPICANTESIMO Performance sonora

Con Hugo Sanchez, Lola Kola e guest.

ASCOLTA

Torna a Music

FILIPPO LILLI
Horo

Compositore, sound designer e sound artist nato nel 1987. La formazione ibrida, a cavallo tra le arti sceniche e la musica sperimentale, gli ha permesso di sviluppare interesse per una ricerca diretta all’ascolto e all’interpretazione del contenuto sonoro come veicolo di narrazione alternativa e ulteriore. Unendo la formazione tecnica con quella artistica e musicale tiene viva una ricerca sul suono estremamente sperimentale e contemporanea. Collabora con ensemble e formazioni di musica contemporanea, realtà e compagnie di teatro e danza nel ruolo di compositore e responsabile del progetto sonoro. Nel 2016 fonda POLISONUM, collettivo di Sound Art che utilizza il suono come metodo e dispositivo di indagine artistica. E’ in continua ricerca nell’ambito musicale e sonoro.

MATTIA ABBALLE
Horo

Mattia Abballe (Isola del Liri, 1994) è un pittore e sassofonista. Ha conseguito il diploma in sassofono nel Conservatorio di Musica ‘’Licinio Refice’’ di Frosinone e, successivamente, il diploma di primo e secondo livello in Pittura, presso l’Accademia di Belle Arti di Frosinone. Attualmente porta avanti la sua pratica pittorica e musicale in autonomia, collaborando con vari artisti nel panorama dell’arte contemporanea.

EXTERNAL INPUT
Exi Bonsai

EXTERNAL INPUT is a label born from the synergy of a group of Italian electronic music producers and as an artistic and productive response to the Covid19 pandemic and subsequent lockdown. Focusing on the production of electronic music, the label is specialized in researching and giving voice to the new sounds of Techno, House, Chill Out, Ambient, EDM and Future Bass. 

DIEGO LABONIA  Light Installation

Light artist, ideatore e direttore artistico del Festival RGB Light Experience. La sua tecnica artistica, che ha come topic la luce nella sua forma installativa, è una commistione tra analogico e digitale: “l’espressione massima dell’ingegno umano quando viene applicata all’arte”. Nel 2009 fonda Luci Ombre, società che si occupa di ideare e realizzare eventi culturali con una forte impronta sulle nuove tecnologie e sul rispetto dell’ambiente. Nel 2014 realizza progetti di illuminazione urbana, tra cui Radiolaser, che ha illuminato il Capodanno ai Fori Imperiali. Le sue opere più celebri sono Specchio Riflesso, realizzato per RGB15; Ether’ò realizzata con Simone Palma; Arcobalenide realizzata per il Festival Fotonica.

Torna ad Art Performance

ALICE FELLONI aka Erre
NaturArte

Visual Designer che ha concentrato il suo interesse dal 2009 sulla digital art nel campo delle video proiezioni. La sua conoscenza digitale nasce a Berlino e si estende in tutta Europa fino ad arrivare in Centro America dove lavora e vive per un periodo della sua vita. Questo le permette di ampliare e spaziare le sue competenze tra le varie e differenti sensibilità artistiche con le quali lavora e si mette a contatto. Dal video mapping architettonico alla visual art fino allo stage mapping lavorando per noti brands come Heineken, Formula E, Fendi, Sky e molti altri; Si occupa inoltre della parte artistica come video designer nel mondo dello spettacolo del noto panorama della musica italiana. Nel 2016 vince il 1°premio del vj contest di video arte del Signal Festival di Praga. Insegna visual art live & video mapping all’Università IED di Roma.

FABIO GHIDONI aka NoMonk
Leggero

Attore e performer, dopo aver tracciato la sua identità passando da MADMONK, GOLDENMONK, a FUKMONK, ora giunge al suo NOMONK e al disvelamento della scatola nera, l’intimità. È in permanente dialogo con la natura analogica, indagando il rispetto per le regole e le abitudini che lei gli racconta. E in questo viaggio si fa accompagnare dal suo io fanciullo.

AUORA KASTANIAS
Poeticles
Nata da padre greco-inglese-ghanese e madre persiana, Aurora Kastanias è cresciuta a Roma, dove i suoi genitori si rifugiarono durante la rivoluzione iraniana. Frequenta la scuola di suore francese, Saint Dominique, e inizia a scrivere brevi racconti già all’età di undici anni, esibendo sin da allora una giocosa immaginazione e un profondo affetto per l’umanità; un sentimento che in seguito descriverà come “innato e ineluttabile”; un sentimento che sottolineerà tutte le sue opere successive. Durante la sua permanenza in Libano, in veste di studentessa all’AUB, s’invaghisce del Teatro dell’assurdo e l’esistenzialismo europeo, che ispireranno i suoi primi romanzi: Darius, Exilium Vita Est (2009) e Argos, Jacta Alea Esto (2016). Dopo la chiusura del suo concert wine bar a Bordeaux si dedica alla poesia, pubblicandone un’antologia nel 2019, Poeticles Collections. Nello stesso anno, influenzata dai suoi attuali studi di astrofisica, pubblica altresì la sua prima storia sci-fantasy, Goggle-Travelling through the Meaning of Life.

Torna a Workshop

VALENTINA AZZURRETTI aka  Mambina Blulei
Waiting for theEarthquake, Fire dance

Appassionata di paganesimo, sciamanesimo e discipline Antropologiche, nelle quali è laureata. Artista di strada e amante delle Arti Circensi. Gioca e danza con la magia del fuoco condividendone l’energia e dà una spinta a formulare sogni danzando in una sfera… Ama la terra e suoi elementi. Vive e crede nella magia e nella potenza della Natura.

NELA LUCIC aka Nelich
Waiting for the Earthquake

Attrice, performer, DJ … dal Mondo Ex dei Balcani all’Italia con tappe a Parigi & Los Angeles… di se stessa dice: ‘nonostante il mio carattere di Fuoco che traspare in tutto quello che faccio, il viaggio all’indietro verso la propria Autenticità, mi costringe a stare calma… lo accetto perché è tutto ciò che mi interessa!’

DIEGO REPETTO
Quinto Peasaggio

Architetto, artista e designer che sollecita la connessione transdisciplinare tra diverse realtà scientifiche e artistiche, è tra gli Advisory Board del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia 2021. Al convegno internazionale De-sign Environment Landscape City a Genova nel 2017 espone per la prima volta i nuovi concetti di Land Lighting e Quinto Paesaggio, identificando nuovi approcci tra arte e architettura in ambito paesaggistico. È impegnato nella ricerca e creazione di nuovi paesaggi e nell’analisi delle percezioni dei potenziali stakeholder attraverso l’arte esperienziale come membro del Laboratorio Internazionale di Ricerca sul Paesaggio (CIRIAF-SSTAM Università di Perugia) e della Fondazione internazionale Ideal Spaces Working Group.

VIENI AL MELETAO FESTIVAL!

 Il “4 giorni Green Pass” comprende
l’iscrizione all’Associazione Meletao,
l’ingresso all’area del Festival,
la piazzola per la tenda
e tutte le attività presenti sul Programma.